Omosessuale, lesbiche, queer e trans nel umanita arabo: un libro sfata i miti

Omosessuale, lesbiche, queer e trans nel umanita arabo: un libro sfata i miti

Il libro, pubblicato da Ediesse, e annotazione da due studiose italiane, Anna Vanzan e Jolanda Guardi giacche, con un faccenda analitico di indagine dei testi antichi, raccontano la storia e l’evoluzione dell’orientamento erotico e della sua casa collettivo nei paesi musulmani

Guardi e insegnante di lingua araba e ricercatrice all’ateneo di Tarragona

Ci sono versi, nella produzione letteraria araba, affinche descrivono i rapporti lesbici privato di dare estensione all’immaginazione (che quelli de “Le delizie del animo” di Al Tifashi, scritto nel 1200). Ci sono testi sufi persiani che celebrano apertamente l’amore invertito, entrato per tal questione nella consuetudine in mezzo a il 1100 e il 1300 da farsi e cosa di scherno (di continuo mediante versi). L’omosessualita e un pensiero che ha permeato per secoli la civilizzazione arabo-islamica, alla rovescia a quanto si crede comunemente durante ovest. Per raccontare la storia e l’evoluzione dell’orientamento sessuale e della sua costruzione sociale – con un attivita esteso di ricerca dei testi antichi – paio studiose italiane: Anna Vanzan e Jolanda Guardi. Vanzan e iranista e islamologa, specializzata sopra questioni di tipo e islam e maestro all’politecnico di Milano. Il massa in quanto hanno a fatica pubblicato unitamente la dimora editrice Ediesse si intitola “Che qualita di islam”. Un spedizione nella tradizione e nella gruppo arabo-islamico-persiana affinche sfata, con opulenza di approfondimenti e spiegazioni, una sequenza di stereotipi.

L’importante e in quanto si sappia se disporre ognuno

Nel testo si spiega, ad campione, giacche non esiste un avvicinamento maomettano significativo e generalizzato nei confronti dell’omosessualita. “Ci sono Paesi – dice Vanzan – se, pur mediante presenza di leggi repressive nei confronti degli omosessuali, segmenti di associazione si sono organizzati durante combatterle. Gente, piuttosto, ove pur non essendoci una ‘caccia all’omosessuale’, l’atteggiamento vago della associazione e appieno omofobico”. Guardi aggiunge cosicche “ci sono situazioni quantita repressive dal affatto di visione legislativo e altre oltre a tolleranti mediante la presenza di associazioni di lesbica e lesbiche. Corrente e fissato ad ipotesi, per situazioni di antagonismo (esiste un’associazione di donne lesbiche palestinesi) ovvero di maggior sovranita popolare, appena per Libano. Paesi piuttosto qualora la edificio associativo e solito solito e ricco ovverosia sofferenza scoppiata sopra approvazione per situazioni eccezionali (occupazione israeliana oppure disputa affabile) o al pigro sviluppo verso la democrazia”.

Un seguente leggenda giacche viene sfatato nel tomo e affinche l’omosessualita come favorita dalla reclusione dei sessi. “L’immaginario occidentale ha costruito la miraggio dell’harem abitato da donne cosicche praticano l’omosessualita che passaggio per privazione di un adeguato aderenza con gli uomini – racconta Vanzan – dimostrando dunque un differenziato oltraggio, colui nei confronti delle donne musulmane, esso nei confronti della cortesia islamica e quegli nei confronti dell’omosessualita, ridotta per una imposizione, alquanto cosicche per una scelta”. Un casa abituale esposto dalle fantasie dei primi viaggiatori e osservatori di queste culture, assistente Guardi, “che nondimeno hanno eretto le loro deduzioni sul loro irreale non avendo giammai, nella oggettivita, avuto un entrata diretto ai luoghi fisici oppure mentali della segregazione”.

Il opera, poi, affronta ed l’identita queer nei diversi Paesi islamici e la transessualita. Verso quest’ultima ci sono Paesi, che l’Iran, luogo il passaggio da un genitali all’altro e protetto da leggi, controllo psicologica e sanitaria. “Poi si puo bisticciare qualora queste misure siano prese in propensione della licenza del attraversamento di erotismo oppure alla buona a causa di scansare un ‘disordine’ all’interno della gruppo – sottolinea Vanzan – resta il avvenimento affinche i transessuali sono legalmente riconosciuti”. In realta, invece a causa di l’orientamento del sesso ci sono Paesi dove c’e tolleranza, non si puo celebrare lo uguale verso la transessualita giacche viene considerata unito ceto attendibile semplice verso transizione avvenuta.“In una organizzazione se i ruoli sono dunque ben delineati – dice Guardi – e manifesto affinche, durante conservare lo situazione delle cose, l’ambiguita https://www.besthookupwebsites.org/it/swapfinder-review/ del sesso deve abitare bandita motivo mette per discussione il appunto intero valoriale. Attraverso attuale motivo, insieme verso considerazioni di aggiunto tipo, le legislazioni di alcuni Paesi prevedono la capacita di operazioni di cambio di sesso. La poverta e quella di un’identita di qualita alquanto ben definita durante mantenere un fila assistenziale tradizionale”.

Share Post :